Ricette di come fare un dolce con le gallette di riso

Gallette dolci di quinoa con nocciole e cioccolato

Gallette dolci di quinoa con nocciole e cioccolato

procediamoprepariamo la quinoa liberandola dalla saponina che la ricopre in un colino sotto acqua corrente come descritto quila facciamo scottare in un pentolino antiaderente (come per il riso in un risotto) con un pzzico di sale fino a quando cominciano a scoppiettare i seminiaggiungiamo l'acqua calda e lasciamo cuocere fino ad assorbimento della stessa e conseguente apertura dei seminidovete ottenere un risultato morbido al palato
20 0
GALLETTE DI RISO

GALLETTE DI RISO

Oggi vedremo come realizzare le GALLETTE DI RISO. Vediamo quindi come si realizzano. Portate su fiamma pentola d’acqua e giunta a bollore disponete il riso all’interno del cesto in bambù su due piani rivestiti con fogli di carta forno leggermente forata per facilitare la cottura del riso
15 0
Pancia Piatta con la Dieta Swift

Pancia Piatta con la Dieta Swift

La Dieta Swift conosciuta anche come la dieta della pancia piatta è stata ideata da Katie Madonna Swift nutrizionista americana (La dieta dell’intestino sano – Sperling&Kupfer) mira ad un dimagrimento costante con la riduzione del gonfiore della pancia, migliora la salute dell’intestino e la depurazione del corpo dalle tossine
310 0
Biscotti al mais e uvetta vegani

Biscotti al mais e uvetta vegani

Dal mais si ricava una farina ricca di carotenoidi (utili per le mucose, occhi e pelle) e dall'azione antiossidante (sembra contrastare il tumore al seno e al fegato), è usata per la preparazione di polente (una volta sostituti del pane) e come addensante
48 0
Torta Raffaello vegan

Torta Raffaello vegan

alcune mandorle, coprire con il secondo disco e procedere come nel passaggio. della pasta sul burro, come fosse un fagottino, prima tirando il lembo
29 0
Mousse Cioccolato e Avocado |Vegan & Senza Glutine

Mousse Cioccolato e Avocado |Vegan & Senza Glutine

Dopo mesi e mesi trascorsi studiando quale supermercato fosse meno peggio degli altri e finendo sempre per scegliere quello dall’aspetto più continentale come Waitrose o più fico come Marks and Spencer, mi sono resa conto che, mentre all’inizio della mia avventura nella Capitale evitavo come la peste il made in UK, alla fine della mia permanenza bazzicavo senza problemi in Old Street, Shoreditch o Covent Garden sorseggiando chai latte, addentando un muffin ai mirtilli o bevendo zuppe take away
27 0